Nuova Orchestra Scarlatti

Primavera Musicale 2017

La Sinfonia di Marco Polo

Mercoledì 28 giugno 2017, ore 20.30
Basilica di San Giovanni Maggiore, Napoli

La Sinfonia di Marco Polo

Voci e suoni dal Mediterraneo all’Oriente

NUOVA ORCHESTRA SCARLATTI
ORCHESTRA SCARLATTI JUNIOR
direttore Francesco Aliberti

Evento conclusivo de I Suoni della Seta, progetto vincitore della II edizione di “MigrArti – Spettacolo” promossa e sostenuta dal MiBACT, e realizzato in partnership con l’Associazione ‘Ciao Cina’ di Napoli

Il progetto ‘I Suoni della Seta’ – La Sinfonia di Marco Polo, ideato dalla Nuova Orchestra Scarlatti e realizzato in partnership con l’Associazione culturale ‘Ciao Cina’, si articola in  workshop di attività corali-musicali rivolti a giovani cinesi residenti in Campania, finalizzati ad uno spettacolo musicale inedito, ispirato al viaggio di Marco Polo da Venezia al Celeste Impero, che si terrà il 28 giugno 2017 nell’ampia e monumentale Basilica di San Giovanni Maggiore di Napoli: una suggestiva Rapsodia sinfonica, vocale, coreografica di melodie antiche e moderne spazianti dall’Italia alla Cina che si intrecceranno in un'unica sequenza, la ‘Sinfonia’ dei mille colori e dei mille orizzonti dello straordinario itinerario terrestre del Veneziano, abbraccio epocale tra Oriente e Occidente.

 

Basilica di San Giovanni Maggiore, Rampe di San Giovanni Maggiore,14 (NA)
Uno dei complessi architettonici più articolati e affascinanti di Napoli, marcato da straordinarie stratificazioni che attraversano tutta la storia plurimillenaria della nostra città, dal periodo classico fino agli anni più recenti, passando per la fase  paleocristiana e le varie, complesse modifiche intervenute in epoca medievale, rinascimentale, barocca, postunitaria.
La tradizione vuole che la Basilica sorga sul luogo dove avrebbe trovato sepoltura la Sirena Partenope, mitica fondatrice secondo gli antichi della città di Napoli.
Rimasta chiusa per oltre 42 anni, la Basilica è stata restituita al culto e alla città di Napoli per volontà del Cardinale Crescenzio Sepe che ha affidato la struttura alla Fondazione Ordine Ingegneri Napoli.